"Infernetto e Dintorni" è un blog realizzato dell'Associazione Culturale Infernetto e Dintorni, ideato con lo scopo di agevolare lo scambio di opinioni tra gli abitanti dell'Infernetto e del X Municipio, ex XIII Municipio. L'obiettivo del blog è di fornire visibilità circa l'urbanizzazione del quartiere e le criticità ad essa connesse. Divulghiamo informazioni, condividiamo emozioni. L'Associazione è stata promotrice ed è stata fra i Soci Fondatori del Coordinamento Infernetto fino al 09/04/2016.

Istituto Luce Cinecittà - Polvere d'archivio

Loading...

CERCA NEL BLOG

sabato 15 ottobre 2005

AL PARCO CON LE PECORE - TRAINING ON THE JOKE -

Siamo in via Ghiglia, in quella zona amena denominata AXA alta (dietro ai tanto discussi palazzi de "le Terrazze del Presidente").

Da qualche anno a questa parte, è nato un nuovo centro residenziale di tutto rispetto: case in cortina, centri commerciali, giardinetti e servizi urbani; ed è proprio tra questi giardinetti, adibiti allo svago di grandi e piccini, con l'attenzione che è propria del 13° municipio, rivolta soprattutto alle famiglie di nuova formazione e all'infanzia, che, nei suddetti giardinetti, sia giusto che ci pascolino anche gli ovini (pecore).

D'altronde, tutti sanno quanto sia propedeutico alla crescita ed allo sviluppo dei bambini, che questi conoscano in maniera approfondita la zoologia e la sua applicazione. Quindi, è più che corretto che i bambini si possano rotolare in un giardino appena brucato e concimanto dalle nuove "compagne di gioco a quattro zampe".

Quello che nel mondo del lavoro viene chiamato "training on the job", qui lo si potrebbe chiamare "training on the joke".

Ricordiamo alle istituzioni locali che, malgrado quanto ci possa essere di simpatico nell'argomento, si sta parlando di un pericolo oggettivo circa la possibilità di contrarre, da parte dei bambini, malattie scaturite dal contatto con le feci ed il pelo degli animali: ZOONOSI.

Un appello ai genitori: fate molta attenzione alla salute dei vostri figli.

lunedì 3 ottobre 2005

VIABILITA' INFERNALE


Bello, vero? Questa è la situazione del traffico di tutte le mattine. Chilometri di fila e tempo prezioso (sottratto alla famiglia ed al lavoro) perso in mezzo al traffico di via W. Ferrari e via C. Colombo, chiusi in trappola tra l'incrocio del "Drive In" e quello di via di Acilia.

Una situazione paradossale che perdura da anni, come da anni ci promettono soluzioni fantascientifiche per risolvere definitivamente la situazione. Vantandosi del risultato ottenuto ad Acilia sulla via del mare (lavoro rimasto a metà), ci proporrebbero un improbo sottopassaggio che, passando sotto la Colombo alla collina della tenuta di Castel Porziano, farebbe in modo di poter "saltare" entrambi i semafori. Sembra quasi il progetto mai realizzato del ponte sullo stretto.

Non sono in grado di dare soluzioni al problema, comunque non sarei deputato a farlo, ma non credo ci voglia uno scienziato per capire che l'urbanistica del 13° municipio, in particolar modo dell'Infernetto, versa anno dopo anno in gravissime condizioni.

Questo senza considerare che in alcune vie vi è la totale mancanza di illuminazione, della rete fognaria, di tombini di scolo per le acque piovane (nei giorni di pioggia molte vie finiscono per allagarsi e si trasformano in torrenti in piena), dei marciapiedi, della segnaletica stradale, dell'asfalto (molte vie sono ancora sterrate), e via dicendo.

A proposito di vie sterrate, sapevate che il comune non ha ancora prese in carico molte strade del quartiere, classificandole come "strade private adebite al pubblico passaggio"? E che caspita significa? Le strade sono state censite, tanto é che hanno un nome assegnato dal comune con tanto di cartello, però, di contro, per tutti gli altri servizi, si trincerano dietro la scusa che, a loro dire, sono "private".

Questa è l'ennesima furbata del comune per poter gestire le risorse economiche come meglio crede destinandole a non si sa cosa. Allora, se sono strade private, prendiamone possesso, asfaltiamole e chiudiamole, se, invece, sono adibite al pubblico passaggio, quindi pubbliche, fornitele di servizi.

sabato 24 settembre 2005

NUOVO ANNO SCOLASTICO: COMINCIAMO BENE!

Il nuovo anno scolastico è cominciato e già si vedono i problemi.

Alla scuola materna Il Cucciolo, dopo un anno passato senza la coordinatrice responsabile, senza parcheggi sufficenti a coprire l'esigenza del corpo insegnante e dei genitori dei bimbi che la fraquentano, quest'anno le famiglie si sono trovati con un'altra bella sorpresa: la soppressione del servizio di pre e post scuola.

Il servizio di pre e post scuola, fino all'altr'anno erogato dal comune, quest'anno, senza alcuna comunicazione di preavviso, il primo giorno di scuola ci viene comunicato che non sarà più erogato dal comune. Questo significa che i genitori lavoratori avranno la difficoltà all'entrata, nella fascia oraria 8.00/9.00, e all'uscita, dalle 16.30/17.00.

Bello vero?

Non solo, ci viene fatto sapere che, nel caso avessimo voluto (come se potessimo scegliere), ci saremmo dovuti organizzare raccogliendo le firme dei genitori interessati e cercare una ludoteca che ci facesse, a pagamento, ciò che l'anno precedente ci passava il comune. Va da sè che ci stiamo organizzando in questo senso...

Questo, fermo restando l'insufficente parcheggio, la scarsa sicurezza dovuta all'inesistenza dei marciapiedi e alla mancanza del servizio di vigilanza della polizia municipale (tutto denunciato agli enti competenti, alle forze dell'ordine e ai mass-media). In aggiunta a tutto ciò, l'anno scolastico de Il Cucciolo è cominciato anche con un cantiere aperto nel giardino interno, proprio di fronte all'ingresso della scuola... forse ci vorranno far lavorare i bambini per risparmiare sui costi degli operai.

Alla scuola elementare Colombo, via Cilea, la situazione è leggermente migliore, ma non per questo idilliaca.

Il pre e post scuola qui è garantito da una società esterna: "Sole di Mezzanotte" che, ovviamente, si paga. Mentre la sicurezza circa gli ingressi è lasciata all'onestà del prossimo: infatti i cancelli di ingresso per gli automezzi sono chiusi con un semplice elastico del tipo che si usa per i portapacchi.

Non so cosa dobbiamo ancora aspettarci, temo solo all'idea.